Immaginate di  non essere nel vostro paese.Immaginate di essere incappati in una bufera di neve in pieno giugno tale da non poter accedere ad un passo sulla Sierra Nevada. Immaginate di dover guidare per circa 700 km su strade che un tempo erano segnate in blu sulle cartine stradali americane, strade dove per chilometri si può anche non incontrare anima viva, immaginate che stia calando la sera. Ora immaginate di inoltrarvi in una foresta senza l’ausilio della luna e di scoprire che la vostra sistemazione non c’è più.  Per finire, immaginate, la notte passata in una baracca di legno e un rumore di sottofondo, incessante. Un generatore? Mah!

Risultato: sonno altalenante, incavolatura al massimo e il risveglio in un’alba che filtra da sotto le assi della porta,  mentre sperate che la luce inviti le migliaia di animaletti, che potrebbero aver condiviso la baracca con voi, ad uscire. Fa quasi freddo ed è sicuramente umido e quel rumore incessante non smette. Allora prendete coraggio, infilate le scarpe non prima di averle rovesciate alla ricerca di qualche sgradito ospite, date un’occhiata al bagno,  indossate jeans e felpa e aprite la porta e…

vi accorgete di essere in paradiso!

yosemite-park-scoiattolo

Un piccolo scoiattolo, di quelli tipo cip e ciop, per niente impaurito si gira verso di me, poi continua a gustarsi la sua colazione. Lentamente alzo gli occhi e vedo  “quel rumore”.

Un’enorme cascata, così vicina  che quasi mi pare di sentirne gli spruzzi.

 

yosemite-park-2Del mio meraviglioso viaggio negli Stati Uniti la tappa allo Yosemite Park, è stata una delle più emozionanti  e confesso che poi non ho cercato un’altra sistemazione perché quella “baracca” era perfetta per il luogo. Luogo dove si mangiava in una grande mensa insieme a tanta gente che poi spariva nella vastità della foresta, luogo dove vivono le sequoie più alte del mondo.

 

 

yosemite-sequoieMi piaceva tutto a quel punto: l’acqua non proprio caldissima della doccia, i muffin enormi, i biscottoni, i pancake (http://gustarviaggiando.civico20.it/colazione-pancake/) con lo sciroppo d’acero e ogni  piatto cucinato  da quell’unico enorme self-service a vetri che si confondeva con il bosco.

 

yosemite-park-panoramaGli Stati Uniti continuavano ad affascinarmi, a rapirmi, prima con quel cielo immenso come visto da dietro la lente di un grandangolo, ora con queste cascate immense, potenti, selvagge.  A qualcuno viene il mal d’Africa ma io sono stata contagiata dall’America: febbre da  Arizona, Nevada e California e inizio a comprendere (anche se non approvo) perché gli europei si son dati tanto da fare per far loro questa terra.

Così ogni anno, quando vedo gli incendi furiosi che divampano in questo paradiso, sto con il fiato sospeso e mi auguro che la natura sappia proteggersi da sola dagli imbecilli.

Roberta Capanni

Yosemite--chiesetta