Viaggiare seguendo un file rouge, correndo dietro ad una storia. Un nuovo modo di vedere luoghi, visitare città e territori, seguendo il cammino secolare di una grande famiglia. La famiglia Bardi generazione dopo generazione si è ramificata in Italia e in Europa, una storia che attraversa i secoli, una storia che ha riunito Comuni italiani nella Rete dei Comuni Bardiani.princ-437

Ma chi erano i Bardi? Una grande famiglia fiorentina che amministrò, per oltre quattro secoli, tanti territori della Toscana, una famiglia che ha svolto un ruolo culturale di primaria importanza, con una presenza forte nella vita civile e religiosa dei secoli attraversati. I maggiori monumenti di Firenze dalla basilica di Santa Croce alla chiesa di Ognissanti, da Santa Maria Novella e Santa Maria Maddalena dei Pazzi ai Palazzi Bardi del centro cittadino ancora oggi  portano le tracce dei Bardi e da qui su in espansione verso le ville del contado, verso Prato, Vernio, lungo una via importante come quella dell’Appennino Tosco-emiliano.

Copia_di_1609854_226325507491053_1130997919_nLe riunioni della famosa e temuta Camerata dei Bardi un cenacolo di letterati e musicisti si tenevano  nel palazzo di via de Benci a Firenze come nel Castello di Vernio: musica, teatro, letteratura, scienza i campi indagati. E fu proprio palazzo di Giovanni Bardi dei Conti di Vernio a Firenze che, all’alba del Seicento, che vide la luce quella che sarebbe diventata una delle più importanti creazioni della nostra civiltà in campo musicale: il melodramma.Palazzo_busini-bardi,_targa_camerata_dei_bardi

L’Accademia dei Bardi, in collaborazione con il centro “Studium Faesulanum”, promuove oggi la costituzione di una rete dei comuni storicamente connotati dalla presenza di questa antica famiglia, con lo scopo di realizzare un programma condiviso di attività culturali e artistiche di cui il territorio e il turismo potranno beneficiare.

La rete dei Comuni Bardiani  passa da Vernio, Greve in Chianti, Montespertoli, Barberino di Mugello, Fiesole, Firenze, San Casciano in Val di Pesa e, attraverso i vari rami della famiglia, si estende ad altre importanti città italiane (Napoli, Roma, Palermo, Bari, Venezia) e straniere (Istanbul, Tunisi, Siviglia, Marsiglia, Lione, Parigi, Londra, Vienna ecc.).sm novella 3

Tante le  iniziative in programmazione:  una giornata studi dedicata a Girolamo Bardi in collaborazione con l’Università di Firenze, presentazioni di volumi di studi che coinvolgono varie istituzioni culturali fiorentine (l’Archivio di Stato, la Biblioteca Riccardiana, il Museo della Specola), conferenze, concerti e un seminario della serie “MASTRI” (MAestri, Saperi e meSTieRI) dedicato all’accordatura degli strumenti musicali.

Ma tra le varie attività sono allo studio anche specifici itinerari turistici e visite guidate nei luoghi più significativi e ricchi di testimonianze storico-artistichecon mappatura dei luoghi, dei monumenti, dei documenti, delle testimonianze artistiche e degli strumenti musicali connessi con la storia della famiglia, avranno un punto di riferimento di un sito internet (www.archiviobardi.it).

Roberta Capanni