Non so quale possa essere il motivo ma la Scozia e la Cornovaglia da sempre mi affascinano. Siamo sicuri di conoscere proprio tutto di questi magnifici antichi paesaggi?. Nell’arcipelago delle Orcadi a settentrione della Scozia, ancora oggi è  in vigore una legge vichinga che permette di pescare senza permessi o licenze, tra scogliere mozzafiato, siti archeologici, ristoranti raffinati, manieri e dimore aristocratiche. Un paradiso per chi ama la pesca e non solo.Balfour_castle_shapinsay

Da maggio a settembre, e anche  ora, le pescose acque delle baie e dei laghi trasformano l’arcipelago in una meta per ” fisherman” che sono accolti in lodge e antiche dimore trasformati in accoglienti resort. Le piccole isole e isolotti, circa 70, sono sferzate da venti gelidi in inverno, ma in primavera come grazie a una bacchetta magica, durante le belle giornate, i colori in maniera incredibile diventano quelli dei pastelli colorati, la dolcezza del sole fa fiorire i fiori selvatici che fanno da cornice a ruderi di antiche dimore celtiche. I paesini di pescatori sono affacciati sulle spiagge, ed hanno barche variopinte di azzurro, rosso, verde, contornate di aragoste esposte ad asciugare al sole. Le giornate sono scandite dallo scarico dalle barche di cassette di ostriche, cozze, granchi e scampi.

831px-Shortbread_fingersIl capoluogo e’ Kirkwall, dove oltre la pesca vengono prodotte le “Orkney chairs” sedie impagliate tipiche da secoli delle Orcadi, conosciute e desiderate in tutto il mondo e cercate da arredatori  di grido. Si racconta che queste sedie derivino da una tradizione vichinga, impagliate con foglie palustri intrecciate con il legno, con uno schienale molto largo e molto alto. Oggi sono rimasti così pochi artigiani che producono, con la loro pazienza e le loro mani, queste bellezze che il desiderio di possederne una è  provato anche dal prezzo che si aggira sugli 800€ al pezzo. Allora decido di continuare lo “shopping” sognato guardando i gioielli in argento d’ispirazione celtica ma il ecco cosa possiamo accontentare: il  palato.

Le specialità sono i biscotti d’avena (shortbread), ma i formaggi a pasta dura sono profumatissimi e invitanti  specialmente accompagnati da aringhe mentre bicchieri di eccellente whisky tintinnano alla luce di candele vicino alle finestre che si aprono sul mare. Eccellenti code di gambero all’aglio, granchio arrotolato nel salmone, e spezzatino di coda di rospo, sono i prelibati piatti locali, e ancora infiniti tipi di  biscotti e torte dolci di antica tradizione.Dunrobin_Castle_-Sutherland_-Scotland-26May2008_(2)

Quanta storia e’ passata sopra queste isolette, e si sente, qui  i celti costruirono i loro templi misteriosi druidici, qui trovarono sepoltura come quella a Balfour Castle, camera sepolcrale costruita 5000 anni fa.

E se oltre la pesca anche la curiosità storica vi appassiona, vi segnalo  la baia di Scapa Flow, insenatura dolce del mare del nord, salvezza delle navi vichinghe, poi di quelle Nato, dove si possono ancora vedere relitti di navi affondate durante le due guerre mondiali…

Un ultimo consiglio: leggere la storia della Scozia dalla casata Stuart a oggi, può facilmente farci sentire tutti un po’ highlander.

Elena Tempestini

http://www.visitscotland.com/it-it/