Katmandu il viaggio sognato

?????????

torre Dharhahara – Fonte Corriere.it

Katmandu l’antica città del Nepal ha subito un duro colpo. Il terremoto del 25 aprile 2015  ha colpito duramente i fragili templi che si sono sbriciolati come castelli di carta. Nonostante fosse cresciuta come tutte le città del mondo, un po’ disordinatamente, inglobando villaggi e territorio, Katmandu rimaneva una meta, un luogo dove andare almeno una volta nella vita. Almeno per me. Ma ho sempre fatto scelte diverse, altri luoghi.
Il sisma ha mietuto vittime e si è portato via e danneggiato i monumenti: la torre Dharhahara (Bhimsen Stambha) di nove piani e 62 metri, è stata completamente distrutta e anche quattro monumenti storici sulla Basantpur Durbar Square di Kathmandu, fra cui il Kasthmandap temple. È venuto giù anche  il Gorkha Palace di Kathmandu, una parte (Guhyeshwari Gajur) del Pashupatinath Temple, il Jaisi Dewal nel Kohiti Tole della Durbar Square di Kathmandu, i templi Hari Shankar e Uma Shankar della Durbar Square di Patan ed infine il Kalmochan Temple di Thapathali nella Valle di Kathmandu.images
Magnitudo 7,9, un terremoto fortissimo che ha distrutto un Patrimonio dell’Umanità: il centro di questa città, fondata nel 723 da Re Guna Kamadeva diventata capitale del Nepal nel 1768. Secoli di storia cancellati in pochi minuti come hanno raccontato all’inviata dell’Ansa una coppia di italiani, Roberto Spiritelli e Marusca Cordini “Siamo vivi per miracolo. Abbiamo visto i templi e il palazzo reale di Durbar Square afflosciarsi davanti ai nostri occhi come tasselli di un domino”.
E poi…ci sono quelle montagne immobili, le vette che “toccano il cielo”, quella nazione stretta tra due colossi, India e Cina, e tutto il suo bagaglio profondo di umanità.
E poi…ci sono le vittime, tante che ancora una volta ci ricordano che siamo esseri fragili,che il nostro mondo è fragile.

Roberta Capanni

Crollata a Kathmandu storica torre patrimonio Unesco

Crollata a Kathmandu storica torre patrimonio Unesco – fonte Corriere.it