Il polline delle api: energia e salute

Riprende l’appuntamento con il nostro Miel Magister

Un alimento totalmente di origine vegetale molto utile nelle diete proteiche e in quelle ricostituenti

Uno dei fratelli minori del miele – “minore” perché meno conosciuto, ma altrettanto utile per la salute umana – è senza dubbio il polline: quei pallini multicolori che di solito trovate freschi e conservati in frigo/freezer presso i produttori, essiccati in barattoli sugli scaffali della GDO.polline

Fughiamo subito ogni dubbio. A differenza del miele, di origine vegetale ma trasformato e creato dalle api tramite processo digestivo, il polline è alimento totalmente vegetale che le api si limitano a raccogliere in natura e a trasferire nell’alveare come loro supporto proteico. Per questo può essere tranquillamente usato nell’alimentazione vegano-vegetariana in sostituzione della carne. E’ stato infatti calcolato che 100 grammi di polline (più o meno 8 cucchiai da cucina) contengono tanti aminoacidi quanto 500 grammi di carne bovina o 7 uova. Non importa però che ne ingeriate ogni giorno così tanto! Bastano infatti un paio di cucchiai (circa 30 grammi) a coprire il fabbisogno proteico quotidiano di un adulto. Il prodotto deve essere però quello fresco. Il polline essiccato ha infatti perso gran parte dei propri valori nutrizionali.

SCARICATO GRATIS 0Oltre che alimento, il polline ha anche acclarate funzioni benefiche sulla salute dell’uomo. Tre in particolare vengono riconosciute da studi medico-scientifici. La prima riguarda l’infiammazione prostatica, con una notevole riduzione di valori del PSA già dopo 1 mese dall’assunzione di 30-50 grammi al giorno. Ciò sarebbe dovuto alla composizione chimica del polline che vede una forte presenza di bioflavonoidi: in particolare la rutina, di cui è l’alimento più ricco in natura. I bioflavonoidi sono potenti antiossidanti che abbassano anche il colesterolo, riducono le infiammazioni, combattono i radicali liberi.

apiIn secondo luogo, l’assunzione di polline porta a un rapido recupero del peso e delle forze, con relativo miglioramento dell’appetito e aumento del dinamismo e della resistenza alla fatica. Last but not least, il prodotto è anche un ottimo integratore sportivo e chi si cimenta in attività molto dispendiose di energia – discipline aerobiche o body building – potrebbe utilizzarlo in sostituzione di prodotti chimici.

Un’ultima informazione. A scanso di equivoci, il polline delle api non contiene allergene come quello delle piante anzi, paradossalmente, è riconosciuto anche come desensibilizzatore nel caso delle allergie stagionali. Motivo in più per correre da qualche produttore locale e provarlo. E che filiera corta sia.

Maurizio Melani