W la panzanella

5 ricette gustose, fresche e antispreco

panzanella-alle-sarde-chef-Pietro-Vattiata-

panzanella-con mandolre e sarde all’arancia-sarde-chef-Pietro-Vattiata

La panzanella è un piatto tipico dell’Italia centrale. Le panzanelle che suggeriamo prendono vita dalla rielaborazione di quella toscana dove il pane viene bagnato, strizzato e sbriciolato. La panzanella  è un piatto dove l’ingrediente principale è il pane.  Pane che deve essere, prima di tutto, di buona qualità e “sciocco” cioè non salato. Il pane toscano, quindi, è perfetto.
Come tante preparazioni la panzanella nasce al tempo in cui sprecare era un delitto (anche oggi lo è) e quindi la base di partenza è il pane raffermo.
La panzanella è un piatto tipico della Toscana ma non di tutta. Nelle zone che confinano con la Liguria con “panzanella” si intende un’altra cosa. Nelle trattorie toscane un tempo si serviva spesso oggi va richiesta e se siete in vacanza in Toscana il consiglio è di assaggiarla.
20150708_203155Comunque sia la panzanella è un piatto fresco, adatto all’estate, una preparazione che molti chef ,anche stellati, hanno introdotto nei loro menù.
La panzanella, se fatta bene, ha la consistenza giusta per essere presentata anche come vuole la moda di oggi: potete riempire un bicchiere  e poi capovolgerlo, usare un cerchio o un quadrato e poi decorare a piacere, oppure servirla in un  bel piatto colorato che spicchi sul bianco del pane.

 PANZANELLA TOSCANA

20150708_203007

cipolle di Certaldo

Ingredienti x 1 persona ( normalmente per le quantità si “va ad occhio”  tanto non avanza mai.):

  • 100 gr di pane raffermo
  • 1 Cipolla di Certaldo (se non l’avete usate quella di Tropea di misura piccola)
  • 1 foglia di basilico se son grandi altrimenti 2
  • 2 Pomodori rossi lunghi (in realtà nella ricetta originale non c’erano comunque devono essere buoni da evitare quelli del supermercato che difficilmente son maturati con il sole)
  • Aceto di vino di qualità superiore
  • Sale
  • pepe
  • Olio extra vergine d’oliva

  Procedimento:

  1. mettere il pane in ammollo in acqua fredda  e aceto per 15-20 minutipanzanellaok
  2. tagliare i pomodori a pezzi e metterli in uno scolapasta perché perdano un po’ della loro acqua
  3. tagliare la cipolla a rondelle non troppo sottili
  4. strizzare davvero bene il pane  e metterlo in ciotola capiente
  5. aggiungere i pomodori e la cipolla
  6. salare e pepare
  7. condire con l’olio extra vergine d’oliva toscano (varietà frantoio ma è questione di gusti)
  8. metter in frigorifero per 10 minuti  ( non tenerla tanto perché tende ad inacidire)
  9. servire

PANZANELLA RICCA

Agli ingredienti di base aggiungere olive nere e cetrioli tagliati a fette.

PANZANELLA GUSTOSA

Agli ingredienti di base aggiungete dei pinoli tostati e del formaggio pecorino toscano stagionato tagliato a dadini piccoli.  Guarnite con una foglia di  basilico.

PANZANELLA AL PROFUMO DI TIRRENO

  1. partire dalla ricetta base ma metter il pane in ammollo solo in acqua e usare pomodori pachino
  2. Procurarsi delle arselle fresche e delle cozze, lavarle bene ( fate attenzione che abbiamo perso tutta la sabbia perché non c’è cosa più spiacevole che sentirla scricchiolare sotto ai denti)
  3. farle saltare in padella con qualche cucchiaio di olio extra vergine d’oliva toscano e due spicchi d’aglio (che poi andrete a togliere).
  4. Sfumare con 1 bicchiere di vino bianco secco fate in modo che vi rimanga abbastanza sughetto.
    Strizzate il pane  che si sia intriso tutto e mettetelo in una ciotola.
  5. A questo punto aggiungete le arselle con il loro suggetto. Mescolate.
  6. Aggiungete la cipolla, i pomodori e poco basilico.
  7. Guarnite con alcune cozze e servire 

11692570_866215863460007_8057320582862448000_nMOUSSE DI PANZANELLA

Questa è l’idea di un’amica blogger, Stefania Storai,  un esempio per molti di noi nella preparazione del pane con pasta madre. Ovviamente questa è una mia variante.

  1. Preparate la panzanella secondo la ricetta base  escluso il basilico, ed usando pomodori ramati perché non devono colorare altrimenti avrete l’effetto “pappa al pomodoro”.
  2. frullate il tutto
  3. aggiungete della ricotta fresca di pecora (circa 30 gr a persona)
  4. mescolate
  5. aggiungete dei capperi di quelli piccoli piccoli
  6. servite con fantasia  (bene in una piccola ciotola monoporzione a cui aggiungerete  qualche foglia di basilico e una grattugiata di zenzero fresco.

Roberta Capanni