pasta fatta in casa: perché mangiarla

Facile da fare e da gustare

 

Fare la pasta fatta in casa è sempre una bella esperienza. Abituarsi alla pasta fatta in casa però è un vero problema perché poi vorresti mangiare solo quella. Personalmente la pasta fresca mi piace in tutti i modi, all’uovo, normale, integrale, con grani diversi, liscia, ripiena, asciutta, in brodo…20150419_122855
Un bel piatto di pasta fatta in casa condita con un buon sugo semplice di pomodoro buono, oppure con un ragù finto cioè con tutte le verdure, o ancora, con aglio, olio e erbe fresche , accompagnato da una bella e ricca insalata sono perfetti per un il pranzo. Certo che se si è fuori non è possibile ma certe volte la fantasia aiuta e tornare al cibo portato da casa fa molto “vintage” specialmente se messo in un piccolo cesto da pic-nic.  Mettere le mani in pasta fa bene a grandi e piccini. “creare” qualcosa di buono, vederlo crescere sotto le proprie dita diverte, distende i nervi e da orgoglio.
Gli italiani mangiano molta pasta ma spesso non si domandano con quale farina viene fatta. Il fabbisogno italiano non è soddisfatto dalla produzione interna (non solo per la farina purtroppo) e quindi le aziende ricorrono anche a farine che provengono da paesi dove le norme di coltivazione del grano (uso di pesticidi, tipo di grano ecc…) sono lontane dagli standard di sicurezza imposti dalle nostre leggi. 20150419_123138
Quindi bisogna domandarci cosa introduciamo nel nostro corpo specialmente per un alimento (anche per il pane vale lo stesso discorso!) che consumiamo in grande quantità…

Ecco allora qualche consiglio per fare la pasta in casa e utilizzare sempre meno quella confezionata.

  1. Scegliere della buona farina possibilmente biologica o comunque di filiera controllata e corta.
  2. Anche l’acqua vuole la sua parte, se non volete fare pasta all’uovo, usate acqua buona, non dura.
  3. Se vi piace la pasta all’uovo ricordate che occorre 1 uovo ogni etto di farina
  4. Quando avrete preso la mano provate ad usare farine diverse unite alla farina di grano ( farro o canapa per esempio), sarà meno facile “tirarla” ma vi divertirete ad assaggiare sapori diversi.
  5. Procuratevi i vostri attrezzi: spianatoia in legno, matterello di almeno 1 metro, spatole, un coltello ben affilato e, per quando avete fretta, la macchina manuale per tirare la pasta (che costa poco) andrà benissimo.20150419_133020
  6. Se avete poco tempo fate la pasta e poi congelatela. Si butta nell’acqua senza scongelarla e cuoce velocemente.
  7. Come si fa? Mettete la farina sulla spianatoia formando un cratere, al centro mettete le uova oppure l’acqua, incorporate piano piano la farina girando con una forchetta poi iniziate ad impastare.
  8. Una volta ottenuto un bel panetto di pasta (ci vogliono pochi minuti, non lavoratela troppo) lasciatela riposare per 20 minuti.
  9. A questo punto iniziate a stenderla con il matterello
  10. Quando avrete raggiunto lo spessore desiderato tagliatela nelle forme che preferite e appena bolle l’acqua in pentola…buttatela!

Facile, veloce, salutare.

Roberta Capanni20150419_140559

20150419_140559